Penso Dunque So(no).

Piaget, nel 1969, parlava di egocentrismo come incapacità di distinguere la propria prospettiva da quella degli altri, sostenendo che fosse una caratteristica tipica del pensiero dei bambini di età compresa tra i due e i sette anni.

Sarà anche vero che l’egocentrismo viene superato intorno ai sette anni d’età ma, a me, sembra piuttosto che ci accompagni per tutta la vita.

Mi riferisco a tutte quelle volte che entriamo in quei turbinii di paranoie e ipotesi assurde sul comportamento degli altri, quando vogliamo trovare una spiegazione alle azioni delle altre persone e, non avendo indizi a sufficienza, traiamo conclusioni di un certo tipo basandoci su quello che avremmo fatto noi stessi in una situazione analoga.

Provo a spiegarmi meglio: Ogni volta che ho avuto a che fare con uno dei tanti  appartenti al genere “Homo Molluscus“, ho tentato invano di capire il motivo dei suoi comportamenti da invertebrato, andando a fare ipotesi surreali semplicemente perchè non volevo arrendermi all’idea che lui fosse uno “stronzo-punto-e-basta”.E quando arrivavo all’ovvia conclusione, ovvero: fa così perchè non ha le palle di dire in maniera chiara che di me non gli importa nulla, subito scattava la frase :”No ma dev’esserci qualcos’altro, io non mi comporterei mai in quel modo, io le cose le dico, io non perdo tempo con qualcuno che non mi interessa, io non lancio il sasso per poi nascondere la mano, io se non ho interesse non faccio sorrisini a vanvera”.Io,io,io.Sempre io.

Peccato che quel “lui” generico non è me (purtroppo per lui!) e magari se riuscissi a vedere le cose da un’altra prospettiva, diversa dalla mia, mi risparmierei tanti penisieri, patimenti e paturnie inutili.

Altro esempio:quando litighiamo con qualcuno, ripetute volte, sempre sullo stesso argomento magari è perchè non riusciamo a metterci nei panni dell’altro.Voglio dire, ci lamentiamo tanto senza però provare a pensare come l’altra pesona stia vivendo quella situazione non prendendo minimamente in considerazione l’ipotesi che potrebbe viverla in un modo distante dal nostro.

Abbiamo tutti storie di vita diverse ed è normale che lo stesso evento si rifletta in ognuno di noi in maniera diversa.Ma ce ne dimentichiamo sempre.

Prendiamo le due classiche lamentele:”ieri mi ero tutta sistemata: tacchi, minigonna, capelli e trucco perfetti..e lui..lui nemmeno m’ha guardata!!” e “eh..la mi’ moglie..è una vita che mi spacco la schiena per non farle mancare niente..Oh! Mai una volta che m’avesse detto grazie!”.Nel primo caso vorrei dire a lui “Brutto rintronato!!Anche se per te queste cose non sono importanti,anche se hai imparato ad amarla a prescindere dal fatto che indossi il pigiamone e le mutande della nonna o un vestito da urlo, ci arrivi a capire che lei c’ha messo ore a farsi bella e l’ha fatto per sentirselo dire da te?Sì, sì, proprio da te!”. Nel secondo caso invece, mi verebbe da dire alla moglie “Tu, donna, essere superiore e dalla mentalità raffinata, prendi atto del fatto che hai di fronte un uomo che, a differenza tua, non è in grado di interpretare i tuoi sorrisi come segno di felicità e riconoscimento,no!!Lui ha bisogno di sentirselo dire perchè altrimenti non ci arriva!!”.

Ma questo, si sa, questo è il mio punto di vista.

“E allora, lascia che il mio cuore s’inebri d’una menzogna.”

L.

Annunci

Informazioni su shoppingboysandrocknroll

Meglio aggiungere vita ai giorni che giorni alla vita.
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, donne, litigi, punti di vista, quotidianità, riflessioni, uomini, vita e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Penso Dunque So(no).

  1. Penso che anche nel cercare di piacere agli altri, anche la persona amata, ci sia un fondo di egoismo. Forse è meglio non pensarci, fa parte dell’inconscio ed è meglio tenerlo relegato li…
    http://allegriadinubifragi.wordpress.com/

    • Assolutamente vero che a volte cerchiamo di cambiare quello che siamo pur di piacere agli altri o per riuscire a tenere accanto a noi la persona amata..ma non riesco a vedere (e magari è un problema mio)come questa possa essere una cosa buona..per come la vedo io,se ci costruiamo un’immagine a tavolino..non siamo più liberi in niente..ogni azione che ci verrebbe spontanea deve essere filtrata e controllata in modo da adeguarla al “personaggio” che abbiamo costruito..e mi sembra un prezzo troppo alto.Spero di essermi spiegata bene :)
      grazie per essere passato :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...